Carnevale nel mondo


Da sempre in Italia il Carnevale, dallo spirito scherzoso e divertente, si festeggia tra fine febbraio e inizio marzo. Ma come mai proprio in questo periodo? Il motivo è legato alla religione cattolica, nella quale la Pasqua è preceduta dalla Quaresima, che corrisponde a quaranta giorni di penitenza e di digiuno, prima della quale è tradizione rifocillarsi di ciò che non si potrà mangiare nelle settimane successive. Non a caso, il termine Carnevale deriva dal latino “carnem levare”, ossia “finire la carne”, ad indicare proprio che la settimana prima della Quaresima si può mangiare a volontà!


Attenzione però! Le tradizioni di Carnevale non sono le stesse in tutto il mondo!


Ne sono un esempio i festeggiamenti nel Regno Unito. Questo paese ha usanze molto diverse dalle nostre, sia per ragioni storiche che religiose. Perciò, se doveste recarvi in viaggio in Inghilterra tra febbraio e marzo, non trovereste feste e parate di Carnevale come da noi. Un’occasione peculiare a cui però si può prendere parte è il Pancake Day, che si tiene il Martedì Grasso (Shrove Tuesday). Come suggerito dal nome, nel corso di questa giornata si mangiano pancakes di ogni tipo e si prende parte alla tipica pancake race (gara delle frittelle), che consiste nel completare un percorso correndo e contemporaneamente facendo saltare in aria un pancake con la propria padella. A vincere sarà la persona che impiegherà il minor tempo possibile a completare il percorso, assicurandosi però di aver lanciato in aria la propria frittella almeno tre volte senza farla mai cadere!


Tuttavia, una festa che richiama il nostro Carnevale gli inglesi ce l’hanno, ma per parteciparvi dovrete aspettare addirittura agosto, mese in cui si svolge il Notting Hill Carnival, il più grande street festival d’Europa. Festeggiamenti, sfilate e parate si svolgono nell’omonimo quartiere e lungo Ladbroke Grove, Westbourne Grove, Westbourne Park e Kensal Road a fine mese, più precisamente in occasione dell’August Bank Holiday, una festa nazionale inglese che ricorre l’ultimo lunedì di agosto: in particolare, già dal sabato si inizia a festeggiare con piccoli eventi musicali e di ballo, mentre la domenica è una giornata dedicata alle famiglie e ai più piccoli, e vengono premiati i travestimenti più belli. Infine, il lunedì si svolge la parata principale, chiamata “The Grand Finale”.



Le origini del Notting Hill Carnival risalgono a metà degli anni Sessanta, quando la comunità caraibica di Londra iniziò a celebrare la propria cultura e le proprie tradizioni con musica, danze tipiche (come il calypso o la soca), sfilate sfarzose e specialità gastronomiche afro-caraibiche (particolarmente consigliate sono le jerked meats, carni di pollo e maiale condite con spezie piccanti). All’epoca solo poche centinaia di persone prendevano parte ai festeggiamenti, ma oggi il Notting Hill Carnival richiama milioni di visitatori da tutto il mondo!


L’Inghilterra non è il solo paese ad avere un modo di festeggiare diverso dal nostro. Emblematico in questo senso è anche il Carnevale di Colonia, in Germania, dove la festa ha inizio ufficialmente l’11 novembre alle ore 11:11 esatte e si protrae per diversi mesi (periodo natalizio escluso), raggiungendo il culmine a fine febbraio con “i giorni pazzi”, ossia una settimana che va dal giovedì grasso al mercoledì delle ceneri e in cui ogni giorno è dedicato a un soggetto diverso.

Altra usanza famosa è quella del Carnevale di Nizza, ricordato soprattutto per la “parata dei fiori”, durante la quale vengono lanciati sulla folla tantissimi fiori colorati.


Quindi, sebbene sia festeggiato diversamente a seconda del paese, il Carnevale si può considerare come una festa universale a cui proprio nessuno sa resistere! E come si suol dire, a Carnevale ogni scherzo vale! Divertitevi anche voi a trovare travestimenti speciali e a fare scherzi divertenti ad amici e parenti!